Odio stirare le camicie

Se esiste un indumento difficile e quasi insopportabile da stirare, si sta parlando sicuramente di una camicia.
Se andate in giro a chiedere a qualunque donna – o anche a qualunque uomo – che si occupa di stirare i panni riceverete sicuramente nella maggior parte dei casi una risposta più o meno simile a questa: “odio stirare le camicie”.

Stirare è sicuramente un’attività che non piace, ma quando ad essere stirate devono essere le camicie allora si arriva a sentire dentro quasi un odio molto forte per questa attività casalinga abbastanza classica.
Poi se il mezzo che si usa per stirare non né comodo né maneggevole, l’odio verso lo stirare le camicie si acuisce visceralmente ancora di più.

Visto che però le camicie fanno parte solitamente di un vestiario classico e comunque necessario e abituale, tanto vale mettersi l’anima in pace e stirarle per bene.
Per addolcire questa odiosa attività e per aiutarsi a raggiungere una buona stiratura è sempre comunque opportuno utilizzare un ferro da stiro ottimale, buono, che renda meno pesante questa attività. Almeno lo strumento migliore bisogna concederselo.

Come si può scegliere, tuttavia, il ferro da stiro più adatto alle proprie esigenze?
Bisogna innanzitutto tener presente che il ferro da stiro che risulta migliore per una persona, magari non va bene per un’altra.
Quindi per scegliere il ferro da stiro giusto per se stessi bisogna per prima cosa tener presenti i capi che spesso si stirano e le caratteristiche dello strumento che si desiderano.

Se si cerca un ferro da stiro che fornisca buone prestazioni e che abbia anche un prezzo contenuto, allora vi conviene trovare uno strumento che raggiunga un compromesso tra queste due caratteristiche (qualità/prezzo). Questo è ciò che dovrete andare a comprare.
Se invece cercate il meglio in assoluto per quel che riguarda la qualità della stiratura, allora non badate al prezzo, ma guardate alle componenti tecniche e agli accessori del ferro da stiro. Guardate che cosa ha in dotazione lo strumento; per esempio, la quantità e la qualità del getto di vapore e di supervapore (per gli angoli più difficili), la grandezza del serbatoio e tante altre specifiche tecniche tra cui la qualità del sistema di calcare e il tempo di autonomia del ferro da stiro.
Se per un ferro da stiro non volete spendere una cifra assurda, allora è bene che compriate un ferro da stiro economico. Ma un ferro da stiro a basso costo non è scontato che sia qualitativamente scarso. Anche se economico, prestando attenzione alle caratteristiche, si possono trovare ferri da stiro che, pur non avendo caratteristiche tecniche elevate, si difendono molto bene.

La cosa più importante da tener presente resta quella per cui un buon ferro da stiro deve essere adatto a stirare degnamente tutti i tipi di indumenti esistenti.

Michele Ceccarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *